Lega Serie A, clamoroso audio: De Siervo risponde al patron del Milan

Razzismo Serie A audio De Servio – Clamoroso ed anche “vergognoso” l’audio che sta  girando sul web circa le dichiarazioni dell’amministratore delegato della Lega Serie A, De Siervo. In questo audio tra l’ad ed il presidente del Milan, Paolo Scaroni, vengono fatte dichiarazioni molto pesanti su un tema molto delicato come quello del razzismo.

Razzismo Serie A audio De Servio – Scaroni

Il presidente del Milan, infatti, espone all’ad come anche il New York Times abbia acceso i riflettori del razzismo in Serie A che sta diventando un serio problema. A questo punto la risposta davvero imbarazzante che arriva da parte di De Siervo:

 “Paolo, ti faccio una confessione. Non la mettiamo a verbale. Io ho chiesto ai nostri registi di spengere i microfoni verso la curva. Non lo sentirete in tv. Perché io l’ho chiesto”.

Razzismo Serie A audio De Servio - Scaroni Milan: intercettazioni

La replica dell’ad della Lega Serie A

Una frase che risulta essere davvero molto grave ed ha giustamente alzato un polverone sul web. La risposta, infatti, sa tanto di un atteggiamento improntato a “nascondere” il problema e non affrontarlo. L’amministratore delegato della Lega Serie A ha provato a spiegare poi:

“Nell’audio si sente solo una frazione del ragionamento. Che era molto più ampio. Stavamo parlando di produzione televisiva. E si partiva dal presupposto che noi non siamo giornalisti che dobbiamo scovare le notizie, noi produciamo uno spettacolo e lo valorizziamo. A controllare la regolarità dello svolgimento della gara e documentare a fini legali e sportivi ciò che capita dentro lo stadio ci pensano già gli organi preposti: la polizia, gli ispettori di Lega e Federazione e, non ultimi, gli arbitri. Noi stavamo ragionando di come le riprese tv possono raccontare al meglio la bellezza del calcio. Lo facciamo continuamente. E la linea è evitare di indugiare sui brutti episodi che ogni domenica capitano”.

One thought on “Lega Serie A, clamoroso audio: De Siervo risponde al patron del Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.