Pradè e il Coronavirus: “L’ho vissuto in prima persona e l’ho portato in casa”

Pradé-Coronavirus, il direttore sportivo della Fiorentina ha confessato ai microfoni di Sky Sport di aver contratto il Covid-19 e di averlo anche trasmesso alla sua famiglia. Fortunatamente sia il dirigente che i suoi parenti più stretti sono riusciti a sconfiggere la malattia.


MALAGÒ SVELA LA DATA DELLA RIPRESA DELLA SERIE A


Pradé-Coronavirus, le parole del ds della Fiorentina

“Ho vissuto il Covid in prima persona. In famiglia si sono ammalati in nove, il virus l’ho portato in casa io: mia moglie, mia figlia, i miei cognati e i nipoti. E soprattutto ai miei suoceri, per cui ho avuto molta paura. Sono stati ricoverati trenta giorni allo Spallanzani. Non riesci ad alzarti dal letto, hai febbre alta, sudore, diarrea, tosse. E la preoccupazione diventa tanta”.

“Per fortuna l’abbiamo passata e io sarò sempre un portavoce sulle misure da seguire. Quando hai precauzioni e accorgimenti, sai che puoi ripartire. Il calcio sarà un veicolo giusto per la nostra nuova vita, perché con il virus dovremo convivere”.



Fiorentina pesantemente colpita dal Covid-19

Il club viola è, insieme alla Sampdoria, la squadra più bersagliata dal Coronavirus. Oltre a Pradé, anche Cutrone, Pezzella e Vlahovic si sono ammalati e sono guariti in questi due mesi di lockdown. Alla ripresa degli allenamenti individuali, però, ben sei tesserati (3 giocatori e 3 componenti dello staff tecnico-sanitario) sono risultati positivi ai tamponi effettuati in vista della ripresa degli allenamenti.


SHEVA TORNA AL MILAN DA ALLENATORE?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.