Calciomercato, il Milan si rifà il centrocampo

Nuovo centrocampo Milan – Ogni appassionato del gioco del calcio sa che il centrocampo è la zona nevralgica di ogni squadra. Il Milan riconosce di dover investire molti soldi, nella prossima sessione di mercato, proprio in quel reparto. Sono tanti i nomi che circolano nell’ambiente rossonero e Ivan Gazidis, insieme ai suoi collaboratori, non vuole perdere tempo. 

Nuovo centrocampo Milan: la rivoluzione passa per il centro

Attualmente, la squadra rossonera, può fare affidamento su vari centrocampisti in rosa ma molti potrebbero non essere confermati l’anno prossimo. Gli unici inamovibili sembrano essere Ismaël Bennacer e Rade Krunic (tra l’altro, gli ultimi ad essere acquistati in ordine cronologico). Gli altri, invece, potrebbero avere mercato e la società, dinanzi ad una cessione redditizia, non si farebbe molti problemi a venderli.

Milan Torino precedenti

In questo frangente, i nomi sono principalmente quelli di Lucas Paquetà e Franck Kessié. Più difficile, ma non impossibile, sarebbero le cessioni di Hakan Calhanoglu e Samu Castillejo (dipenderà molto anche dal prossimo allenatore). Alexis Saelemaekers e Diego Laxalt, in prestito fino a fine stagione, non verranno riscattati. Sicuri di finire l’avventura rossonera sembrerebbero anche Lucas Biglia e Jack Bonaventura.

E chi potrebbe arrivare?

 

Data la situazione, alla squadra rossonera servirebbero almeno 2 centrocampisti se non 3 addirittura. Nelle settimane scorse si è parlato di Teun Koopemainers (AZ Alkmaar), Daniele Baselli (Torino) e Gaetano Castrovilli (Fiorentina). Sembra invece prendere piede anche l’idea dispendiosa (a livello contrattuale) di Ivan Rakitic, in scadenza con il Barcellona.


RITORNO DI FIAMMA PER LA PANCHINA ROSSONERA: CLICCA QUI


Altro nome è quello di Florentino Luis, giovanissimo centrocampista del Benfica. Sicuramente il Milan avrà tantissimo da lavorare per quest’estate. Per questo motivo, la società di Elliott vuole incominciare a fissare bene gli obbiettivi, facendo sempre i conti con le possibilità economiche. La dirigenza non può più permettersi di sbagliare. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.