Milan, è morto Mario Bergamaschi: aveva vinto due scudetti negli anni ’50

È morto Mario Bergamaschi, storico difensore e centrocampista del Milan degli anni ’50: con la maglia dei rossoneri ha vinto due scudetti.

Morto Mario Bergamaschi, è scomparso lo storico centrocampista

morto Mario Bergamaschi

È stato un dei protagonisti del calcio italiano e della storia del Milan. Nel giorno in cui se né andato Pietro Anastasi, questa mattina è scomparso anche Mario Bergamaschi. È stato uno dei pilastri del Milan tra il ’53 e il ’58. Lo scorso 7 gennaio aveva compiuto 91 anni.


PIOLI SU UDINESE – MILAN: LA CONFERENZA STAMPA


Centrocampista e difensore, con la maglia del Milan aveva conquistato anche due scudetti. Sempre con i rossoneri aveva disputato la storica finale di Coppa dei Campioni per 3-2 contro il Real Madrid nel 1958. Subito dopo il Milan è passato alla Sampdoria. Ha vestito la maglia dei blucerchiati per cinque stagioni. Ha collezionato 394 presenze in Serie A.

Mario Bergamaschi, il ricordo del club rossonero

Il Milan, sul sito ufficiale, ha voluto ricordare lo storico giocatore rossonero con una lunga nota:

“È scomparso stanotte a Crema all’età di 91 anni, Mario Bergamaschi. soprannominato “Spanna”, era il mediano destro del Gre-No-Li. E’ stato nazionale azzurro e con il Milan ha vinto 2 Scudetti negli anni Cinquanta. Era il decano dei giocatori rossoneri in vita e ci lascia pochi mesi dopo Renzo Burini, mancato a sua volta all’età di 92 anni”.


CESSIONE CALDARA: SVELATO IL MOTIVO DELL’ADDIO


“Bergamaschi ha amato i colori rossoneri fino all’ultimo, con il suo carattere, con il suo tratto. Toni Busini, storico dirigente rossonero dell’epoca e della storia del calcio italiano, concluse il suo acquisto dal Como la sera prima di partire per Lisbona, dove il Milan era atteso dalla coppa Latina. I rossoneri vinsero la semifinale con lo Sporting Lisbona, ma si arresero allo Stade Reims in Finale.

In maglia azzurra per Mario Bergamaschi 1 vittoria, 3 pareggi e 1 sconfitta. Sono agli atti due recensioni storiche di Mario Bergamaschi, in campo nella Finale (la prima giocata dal Milan) di Coppa dei Campioni del 1958 contro il Real Madrid e vincitore in rossonero di 3 titoli in 3 stagioni consecutive: Scudetto 1955, coppa Latina 1956 e Scudetto 1957.

Hanno scritto di lui Baldini e Castoldi e Gazzetta dello Sport: “In rossonero vive le sue stagioni più gloriose, umile e prezioso gregario di gente come Liedholm e Schiaffino. Viani lo schiera libero e aggiunto, sulla linea dei difensori e anche più indietro”. Non solo: “Mediano laterale sinistro, guardingo e roccioso, sentinella caparbia. Qualche pecca di precisione nei passaggi è ampiamente ricompensata dall’impegno e dalla determinazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.