Milan, Kessie: “Io rimarrò qua fino alla fine del mio contratto perchè sto molto bene”

Milan Kessie futuro

Il Milan può gioire per aver ritrovato un perno del centrocampo come Franck Kessie il cui futuro sembra essere a Milano. 

Dopo la scorsa stagione un pò travagliata, non tanto per le prestazioni quanto per i comportamenti non sempre idonei, l’addio sembrava inevitabile. Il mediano non è stato poi ceduto, ma sembrava tutto rimandato a quest’estate. Sembrava appunto, perchè Kessie si è ripreso il Milan ed il suo ruolo di leader in mezzo al campo ed ora il futuro sembra sempre più rossonero.

Milan Kessie sul futuro

Leggi anche >>> Le ultime notizie sul calciomercato del Milan: clicca qui

Il migliore in campo contro il Parma con un gol che lui stesso ha definito il più bello della sua carriera: “Ieri è stato il gol più bello della mia carriera fino ad ora”. Il calciatore ai microfoni di Sky Sport, ha voluto chiarire tanti temi toccando anche quello del mercato e del suo futuro.

“Durante la sosta abbiamo lavorato sempre. Abbiamo fatto quello che ha detto il mister, abbiamo seguito bene il lavoro fisico che ha affidato il preparatore e ora si vedono i risultati. Abbiamo vinto con le grandi squadre perchè il Milan è una grande squadra.”

Leggi anche >>> Milan-Parma: guarda tutti i gol della partita (VIDEO)

“Ho un bel rapporto con tutta la squadra, rido e scherzo con tutti. Sono molto contento per Hakan, sta tornando ai livelli visti in Germania. Ibrahimovic è un grandissimo campione e ha portato tanta esperienza in squadra. Quando sei vicino a lui è capace di aiutarti.”

I giornalisti dicevano che sarei potuto partire ma nè io nè la società avevamo questa volontà. Io rimarrò qua fino alla fine del mio contratto perchè sto molto bene. Quando arriva un allenatore bisogna cercare di capire quale potrebbe essere il rapporto. All’inizio è stato un po’ più complicato però ora il rapporto è positivo. Mi ha spiegato tanto quello che devo fare in campo anche perchè con Gattuso c’erano altre richieste. Avevo bisogno di un po’ di tempo per capire cosa voleva il mister”.