Graziani contro la Serie A: “Niente minuto di silenzio per Anastasi: è una vergogna”

Graziani contro la Serie A, con lo storico attaccante di tanti club e della Nazionale italiana che ha parlato del mancato minuto di silenzio per Pietro Anastasi.

Graziani contro la Serie A, le parole dell’ex attaccante

Graziani contro la Serie A

Nella giornata di venerdì è scomparso prematuramente Pietro Anastasi. A causa di una brutta malattia, si è spento l’ex centravanti di Juventus e Inter. Un grande attaccante che se ne va, che però non è stato ricordato. Infatti quello che ha fatto più discutere è stata la decisione della Lega di non osservare un minuto di silenzio prima del fischio di inizio delle partite di Serie A di questa giornata.


MILAN – UDINESE 3-2, I GOL DELLA PARTITA (VIDEO)


Unica eccezione per bianconeri e nerazzurri. Le due squadre in cui ha militato e vinto, lo omaggeranno con il lutto al braccio. Una brutta situazione, che è stata commentata anche dall’ex centravanti di Roma e Toro Ciccio Graziani. Ai microfoni di Radio Sportiva, l’ex attaccante ha attaccato duramente la Serie A.

Graziani: “Una vergogna: ma che c… hanno in testa i dirigenti”?

Morto Pietro Anastasi

Sul mancato minuto di silenzio per Pietro Anastasi, ai microfoni di Radio Sportiva, Ciccio Graziani ha attaccato in modo pensante la Lega Serie A:

“Ma che c… hanno nella testa questi dirigenti? Non riescono, ai tempi di oggi, a far si che nella giornata di campionato ci sia da subito un minuto di silenzio per ricordare un campione del nostro calcio, che ha dato tantissimo al nostro calcio. Dove hanno la testa questi dirigenti?


LUTTO PER IL MILAN, SI È SPENTO LO STORICO CENTROCAMPISTA


“Pensano solo ai quattrini, agli sponsor, se non si ricordano che bisogna fare un minuto di silenzio per un uomo meraviglioso come Anastasi. Era una persona speciale, Pietro. Come si fa? E’ un’ignorantata allucinante, per tutti gli appassionati di calcio e la famiglia. Tutti dovevano mettere la fascia, non solo le squadre dove ha giocato Pietro. Un minuto di raccoglimento per un uomo e un calciatore che ha dato tantissimo al nostro calcio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.