Gasperini rischia grosso con l’antidoping: ecco cosa è successo

Ultime squalifica Gasperini: il tecnico dei bergamaschi rischia 20 giorni di stop, durante i quali non può avere nessun tipo di contatto con il gruppo squadra.

Ultime squalifica Gasperini: finale di stagione a rischio

Violazione dell’art. 3 comma 3 del codice antidoping e conseguenti 20 giorni di squalifica per il tecnico piemontese (una pena comunque leggera se si considera che si rischiano anche 6 mesi, ndr): è questa la richiesta del procuratore antidoping Pierfilippo Laviani per aver “insultato un ispettore durante un controllo a sorpresa e aver inveito contro tutto il sistema antidoping interrompendo un test in corso su un calciatore dell’Atalanta”.

IL RISCATTO DI UN ROSSONERO A RISCHIO?

I fatti risalgono ai giorni successivi al pareggio interno con il Torino, quando un ispettore si presenta per un controllo a sorpresa su 4 calciatori. Secondo l’accusa il tecnico avrebbe interrotto il controllo in corso su Gosens, insultando l’ispettore. Da Zingonia, invece, parlano di una semplice richiesta di rinviare tutto dopo l’allenamento. A riferirlo è La Gazzetta dello Sport.

MALDINI PREPARA DUE COLPI DALLA BUNDES

Il comportamento di Gasperini ha rischiato di compromettere anche la carriera dell’esterno tedesco. Il calciatore che non completa i controlli, infatti, viola l’art.2 comma 3, commettendo elusione e rischia fino a 4 anni di squalifica. L’intervento del modico sociale avrebbe però consentito al calciatore di completare tutti gli esami.

MILAN SUL TALENTO INGLESE

Il tecnico della Dea, secondo le informazioni raccolte dalla Rosea, aveva già rifiutato un patteggiamento di 10 giorni. Ora bisognerà aspettare la decisione del tribunale nazionale antidoping, prevista per il 10 maggio. Se la richiesta del procuratore venisse accettata, Gasperini sarà costretto a saltare Genoa, Benevento, ma soprattutto lo scontro diretto con il Milan e la finale di Coppa Italia con la Juventus.