Milan, 9 partite per conoscere il futuro

Ultime partite Milan: in queste 9 partite la società di Elliott conoscerà il suo futuro e non solo; infatti queste sfide saranno decisive per tanti giocatori che dovranno convincere la dirigenza meneghina a confermarli per il prossimo anno.

Ultime partite Milan: finale tra Champions, riscatti e rinnovi

9 partite di campionato che la squadra di Pioli si appresta ad affrontare,  dalle quali riceverà tante risposte. Una su tutte sarà il posizionamento della selezione rossonera in classifica, quindi l’accesso, o meno, alla prossima Champions League. Obiettivo da non poter fallire per il club di Via Aldo Rossi che dovrà sfidare ancora due dirette concorrenti: la Juventus e l’Atalanta (rispettivamente a -1 e -2 dai rossoneri in classifica).

LE PAROLE DI PIOLI IN CONFERENZA

9 partite per centrare dunque la qualificazione alla massima competizione europea che sarà fondamentale anche in ottica riscatti; infatti la permanenza di Fikayo Tomori dipenderà soprattutto dal raggiungimento di questo obiettivo. Con l’ingresso in Champions, la selezione rossonera avrà una maggiore disponibilità economica che gli permetterà di riscattare il centrale per una cifra che si aggira intorno ai 28 milioni.

LA SITUAZIONE DEI GIOCATORI MANDATI IN PRESTITO

9 partite decisive per il futuro di Mario Mandzukic, Diogo Dalot e Brahim Diaz. Per il croato a fine stagione si tireranno le somme e Maldini valuterà se trattenerlo ancora o meno. Il terzino portoghese poi dovrà dimostrare di essere costante e convincere il club ad investire circa 20 milioni per assicurarsi il suo cartellino. Lo spagnolo, invece, ha già conquistato tutto l’ambiente rossonero, ma bisognerà trovare un accordo con il Real Madrid per il prezzo del cartellino.

9 partite, ossia 45 giorni per “smuovere” le situazioni legate ai rinnovi, con Donnarumma e Calhanoglu su tutti. Per l’estremo difensore la situazione è molto complessa ed anche molto confusa, dunque per arrivare ad una decisione finale bisognerà aspettare un colpo di scena. Anche per il trequartista la fumata bianca non è arrivata e l’inserimento di altre big preoccupano la dirigenza meneghina. Finale di stagione che con la conquista della Champions potrebbe portare il Milan a compiere uno sforzo economico per trattenere i suoi big.

Occhio alle cessioni rossonere

Il finale di stagione servirà anche per capire chi dovrà andare via e chi no; sicuro della partenza è Samu Castillejo che tornerà in Spagna, lasciando uno “slot” libero sulla corsia di destra. Occhio al caso Romagnoli, che dopo aver perso il posto da titolare potrebbe andare altrove per giocare di più. Da monitorare anche la vicenda legata a Rafael Leao che non è praticamente mai riuscito a sfruttare le occasioni avute.