Tommasi contro la Lega Serie A: “Il taglio degli stipendi è una cosa paradossale”

Tommasi contro la Lega Serie A, il presidente dell’AIC ha commentato con stupore ai microfoni dell’Adnkronos la decisione di tagliare gli stipendi dei calciatori (CLICCA QUI per approfondire). L’ex calciatore non capisce tale scelta in quanto i singoli club stavano cercando accordi di buon senso con i singoli atleti.

Tommasi contro la Lega Serie A

“Questo taglio proposto dalla Lega di A che vuol dire? Che verranno pagate le tasse su quel taglio lì o no? Nel qual caso vorrebbe dire anche meno soldi nelle casse dello Stato. E soprattutto questi soldi non sono finalizzati né a rifinanziare il sistema, né a proteggere le categorie più basse, né a fare attività sociale. Un taglio secco che va a finanziare un’attività imprenditoriale di fatto con i contratti dei giocatori. E’ una cosa veramente paradossale e incomprensibile”.


Serie A allenamenti e taglio sipendi: la proposta AIC calciatori


“Ci sono società che devono ancora pagare il mese di gennaio e siamo ad aprile. La prospettiva di come uscire da questo sistema e ricalibrarlo come può passare da queste persone… Assolutamente non me lo aspettavo, è una cosa che si commenta da sola. Poi continuano a mandare e raccomandare programmi di allenamento, a monitorare i giocatori a dire non muovetevi che adesso si riprende e poi dall’altra mi dici che se non si ricomincia non ti pago più… è quasi schizofrenia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.