Sacchi su Donnarumma: “Ha sbagliato a scegliere i soldi, il Milan era ideale per crescere”

Sacchi su Donnarumma, l’ex allenatore del Milan ha nuovamente criticato la scelta del portiere di lasciare i rossoneri in un’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera’.


Leggi anche >>> Dove vedere Milan-Empoli in TV


Sacchi su Donnarumma

“Ha sbagliato a scegliere i soldi. L’ho detto anche a suo padre e sua madre, l’estate scorsa, qui a Milano Marittima. Donnarumma doveva restare al Milan non tanto per riconoscenza, ma perché era il posto ideale per crescere. Mai lasciare i posti in cui si sta bene. Ma resta un grande campione, lo conosco da quando era poco più che un bambino, nelle nazionali giovanili. Si rialzerà”.

Sacchi sul PSG

“Quello del PSG non è un progetto. Nel calcio, come nella vita, il talento non basta. Come non bastano i soldi. Il denaro, se non è gestito bene, con intelligenza, in uno spogliatoio come in un ufficio qualunque è un problema, ti torna contro. Se mancano società e allenatore, le troppe differenze di stipendio e i privilegi spesso fanno esplodere gli spogliatoi, perché creano invidie e rivalità. È il gruppo che vince, mai l’individuo. Il gioco e l’organizzazione sono come la trama per uno scrittore e lo spartito per un musicista. Il segreto di tutto sono le idee. Sempre, ovunque. E di idee al Psg ne vedo poche”.