Ronaldinho arrestato in Paraguay per possesso di passaporto falso

Ronaldinho arrestato in Paraguay, l’ex funambolo del calcio brasiliano è finito in manette insieme a suo fratello Roberto de Assis con l’accusa di possesso di passaporti falsi.

Ronaldinho arrestato

Nelle scorse ore, secondo quanto riportato dal Ministero degli Interni del Paraguay, l’ex Milan è stato fermato dalle forze dell’ordine mentre era in una suite al Resort Yacht & Golf Club Paraguayo di Asuncion. Il reato contestato a lui e suo fratello è l’utilizzo di documenti di nazionalità paraguaiana risultati contraffatti. Di seguito, ecco una foto dei passaporti fasulli dei due protagonisti della vicenda.



“Ronaldinho ha un passaporto falso. Questo è un crimine ed è per questo che è stato ordinato il suo arresto . Rispetto la sua popolarità sportiva, ma la legge deve essere rispettata, indipendentemente da chi sei”, ha dichiarato il ministro degli interni del Paraguay Euclides Acevedo alla stazione radio locale AM 1080.


UFFICIALE: LA SERIE A SI GIOCA A PORTE CHIUSE


Problemi di passaporto per Dinho

Ronaldinho si trova in Paraguay insieme a suo fratello per presentare un programma di assistenza sanitaria gratuita per bambini e altre attività benefiche. Il 39enne – come riferito da Goal.com – è già privo di passaporto dal 2018, quando gli venne sottratto per dei reati ambientali provocati dai due nel lago Guaíba nei pressi di Porto Alegre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.