Milan, occhio alla Coppa Italia: la Lega studia un piano

Rinvio Coppa Italia – Sono giorni frenetici in Lega Calcio per riorganizzare al meglio il calendario della Serie A. La decisione presa dalla Lega è, per quanto riguarda i recuperi della 26a giornata, quella di svolgere nel prossimo week-end tutti i match della giornata precedente. Ma la Coppa Italia, dopo i rinvii di Juventus-Milan e Napoli-Inter di questa settimana, rischia di essere un grosso problema.

Rinvio Coppa Italia, la Lega valuta 3 possibilità

Per quanto concerne la Coppa Italia, sarebbero 3 le possibili soluzioni che la Lega – coadiuvata anche dalle squadre interessate – sta valutando,. La soluzione più attuabile e probabile prevede lo svolgimento delle due semifinali intorno al 20 maggio con la finale da giocare verso i primi di giugno.


Milan Coppa Italia rinvio


La seconda possibilità, più rischiosa, è quella sì di giocare le semifinali intorno al 20 maggio, ma di disputare la finale ad agosto. Sembra difficile dati anche gli Europei 2020 da giocare tra giugno-luglio. Una terza possibilità, ai limiti dell’assurdo, potrebbe prevedere un mini-torneo tra le quattro squadre che si giocano la coppa, tenendo conto però dei risultati dell’andata. Questo torneo, eventualmente, si andrebbe a giocare a cavallo tra maggio e giugno.

Tante sono le condizioni da verificare

In tutto ciò a giugno ci sono gli Europei e Mancini vorrà convocare il prima possibile il gruppo che parteciperà alla manifestazione. Poi bisogna valutare anche il riposo per i giocatori che dovranno arrivare nelle migliori condizioni alla competizione: fare una finale di Coppa Italia a ridosso dell’inaugurazione degli Europei sarebbe un rischio.


ECCO LE DATE PER LA 27a e 28a GIORNATA DI CAMPIONATO


D’altro canto, fare ad agosto la finale significa incominciare la preparazione con netto anticipo e sarebbe difficile. C’è tanta confusione ma si dovrà scegliere e, soprattutto, bene, per il bene delle squadre e dei tifosi tutti. Insomma, il rischio di snaturare questa Coppa Italia è altissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.