Borini attacca: “Al Milan venivo sfruttato come operaio…”

Polemica Borini stoccata Milan – Nel giorno della sua presentazione all’Hellas Verona, Fabio Borini si è tolto qualche altro sassolino dalla scarpa nei confronti del Milan. Dopo il duro attacco del suo agente, ora è stato direttamente il calciatore ad attaccare il Milan ed il suo utilizzo.

Parole agente Borini


LA STOCCATA DELL’AGENTE: CLICCA QUI


Polemica Borini stoccata Milan

“C’erano molte squadre, con il mio agente avevo deciso di prediligere l’aspetto tattico. Sentivo bisogno di tornare a fare quello che so fare meglio, ossia giocare da attaccante e aiutare la squadra. Al Milan venivo sfruttato come operaio, ma sono anche altro“.

Che giocatore sono? Ho fatto tanti ruoli, al Milan ne ho fatti 7 su 11, ma sempre con la stessa mentalità e voglia di vincere le partite. Porto queste stesse caratteristiche qui a Verona e il gol al Bologna è stato un bel biglietto da visita, certo, ma subito dopo averlo segnato sono andato a prendere la palla dalla porta perché volevo vincere.
Di opportunità per giocare ne avevo tante, col mio agente abbiamo deciso di scegliere la squadra che meglio potesse sfruttare le mie doti e il mio modo di giocare: attaccare, fare gol, aiutare sempre la squadra. Sono in fermo e mi sono sempre allenato al massimo pur avendo giocato poco, oggi per l’Hellas giocherei anche con una gamba rotta. Futuro? Il tempo, oggi, va dedicato solo alla partita successiva, ho un contratto di 6 mesi che è stimolante al massimo sia per me che per la società

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.