Pioli: “Caso Ibrahimovic? È uscito non contento perché stavamo perdendo”

Pioli su Milan-JuventusPioli su Milan-Parma, il tecnico rossonero ha parlato in conferenza stampa da Milanello alla vigilia della sfida di domani in programma a San Siro.

Pioli su Milan-Parma

“Abbiamo il dovere di continuare a fare punti se vogliamo tornare in Europa. Domani affronteremo una squadra insidiosa, difficile, dovremo essere pronti sia dal punto di vista fisico che da quello mentale. Abbiamo la nostra filosofia di gioco e la nostra mentalità, sono stati questi gli ingredienti che ci hanno portato ad ottenere risultati importanti. Dobbiamo continuare così. Le prossime sei partite ci diranno che tipo di squadra siamo”.


Leggi anche >>> Le ultime sul calciomercato del Milan: clicca qui


“Domani sceglierò chi starà meglio fisicamente. Eventuali cambi non significheranno un cambiamento nella nostra filosofia. Come sempre saranno importanti sia chi partirà dall’inizio, sia chi entrerà dopo. Le gare con le piccole? Se giocassimo altre 100 volte la gara di Ferrara la vinceremmo 99 volte. Non siamo riusciti a segnare goal nonostante le tante occasioni avute, ma domani ci deve essere tanta concentrazione”.

Pioli su Ibrahimovic

“L’infortunio ha tolto un po’ di condizione a Ibrahimovic. Deciderò domani mattina chi schierare dall’inizio. La sua rabbia dopo la sostituzione di Napoli? Zlatan è un vincente, è uscito non contento perché stavamo perdendo. E’ giusto così, lui è molto motivato”.

Pioli sui singoli

Donnarumma ha grande equilibri, non si abbatte dopo delle critiche e non si esalta quando le cose vanno bene. Per me non ha colpa sulle reti di Napoli. Il suo rendimento è altissimo. Sta avendo grandi miglioramenti”. 

Bonaventura è un ottimo giocatore. Sta facendo bene sia partita in corso che dal primo minuto. Theo? Il suo rendimento è costante, in crescita anche durante la partita stessa. Leão sta crescendo tanto: ha un potenziale notevole, mi sta piacendo molto il suo atteggiamento”.