Giroud: “Al Chelsea mi hanno sostituito subito. Mi manca la Nazionale”

Milan intervista Giroud: l’attaccante è stato intervistato da The Athletic UK, ed ha ripercorso la sua carriera, in particolar modo gli ultimi anni al Chelsea; poi ha voluto parlare anche della mancata convocazione da parte della Francia.

Milan intervista Giroud: “In Inghilterra è stato frustrante”

Olivier Giroud è arrivato nell’ultima sessione di mercato alla corte di Stefano Pioli, dato che per il Chelsea era un elemento in più dopo l’acquisto di Lukaku. Il centravanti francese non ha digerito questo comportamento da parte dei Blues ed infatti ha affermato: “Al Chelsea, quando non fai abbastanza reti, sono pronti a prendere un altro attaccante per sostituirti. Forse in un club come il Chelsea hai meno tempo per mostrare le tue qualità rispetto all’Arsenal. Non capivo perché non potessi avere un ruolo più importante. Ero il capocannoniere in Champions League, quindi ero un po’ arrabbiato. È stato molto, molto frustrante”.

DUE RECUPERI FONDAMENTALI PER I ROSSONERI IN VISTA DEL VERONA

La partenza di Giorud con il Milan è stata brillante, ma a causa del Covid e, poi, dei problemi alla schiena, il centravanti non ha potuto dare il proprio contributo alla squadra. Proprio per colpa degli infortuni Didier Deschamps non l’ha inserito nella lista dei convocati per l’ultima fase della Nations League. Proprio su questo argomento non ha esitato a manifestare il proprio malumore: “Ad essere onesto con te è stato un po’ strano vederli giocare nel mio stadio, il mio nuovo stadio, dove ho iniziato bene al mio debutto”. Poi ha continuato: “Emotivamente, è stato un po’ speciale per me guardarli in tv. Ovviamente, sono rimasto deluso di non essere stato lì. Didier Deschamps ha deciso di non chiamarmi e devo rispettare quella scelta. Ero così felice che avessero vinto il trofeo ma… mi mancano i ragazzi, mi manca la nazionale”.