Milan, la Coppa Italia 2020 poteva essere l’obiettivo principale?

Milan Coppa Italia rammaricoMilan Coppa Italia 2020 – Con la finale giocata ieri, che ha visto il Napoli battere ai rigori la Juventus, è calato il sipario sulla manifestazione nazionale. Da oggi, si tirano le somme per quanto riguarda le squadre che vi hanno partecipato. Per il Milan, probabilmente, c’è un po’ di rammarico per com’è andata.

Milan Coppa Italia 2020: il cammino dei rossoneri

La squadra rossonera esordisce nella competizione agli ottavi di finale contro la Spal. Il risultato è netto: 3-0 con i gol di Krzysztof Piatek, Samu Castillejo e Theo Hernandez. Ai quarti di finale, la squadra di Stefano Pioli affronta il Torino in un match tiratissimo. Il match, infatti, si decide solo nei tempi supplementari con Hakan Calhanoglu che salva i rossoneri al 91′, dopo la doppietta granata di Bremer ed il gol iniziale di Jack Bonaventura.


PASSI IN AVANTI PER IL GIOCATORE DEL REAL MADRID: CLICCA QUI


Poi la doppietta del turco ed il gol definitivo di Zlatan Ibrahimovic conclude il passaggio in semifinale, dove incontra la Juventus. La squadra piemontese riesce a pareggiare il match dell’andata con il tanto discusso rigore dell’ultimo minuto (braccio di Davide Calabria, ndr) segnato da Cristiano Ronaldo. Il ritorno della suddetta partita, post-lockdown, ha visto un pareggio a reti inviolate che ha permesso ai bianconeri di andare in finale, in virtù del gol in trasferta. 

Milan Coppa Italia 2020, si poteva fare di più?

 

Probabilmente il Milan, se fosse arrivato nelle condizioni giuste e senza le tante defezioni del match di ritorno, poteva osare un pochino di più e provare lo smacco ai bianconeri. Dall’espulsione di Ante Rebic, poi, le cose non sono andate per il meglio, condannando la squadra all’eliminazione. Una Juventus che non ha fatto sicuramente meglio del Milan nelle due partite. E chissà, se il Milan si fosse giocata la finale contro il Napoli, poteva spuntarla, magari aiutata anche da quel pizzico di fortuna che male non fa.