Serie A, perplessità di 17 club sul protocollo per la ripresa

Lettera protocollo FIGCA una settimana dall’invio al Governo del protocollo della FIGC per la ripartenza del campionato, ben 17 club di Serie A hanno esposto le proprie perplessità tramite una lettera inviata dai medici sportivi delle società alla commissione tecnico-scientifica della Federazione.

Lettera dei club per chiarimenti sul protocollo della FIGC

Come riportato da ‘repubblica.it’, tutte le compagini del campionato (ad eccezione di Juventus, Lazio e Genoa) hanno manifestato tutte le proprie perplessità e chiesto diversi chiarimenti. A destare maggiori preoccupazioni sono le eventuali conseguenze legali nel caso in cui salti fuori un giocatore positivo durante gli allenamenti.


Ripartenza Serie A


Oltre alla situazione al Nord ancora critica, un’altra spinosità evidenziata è quella nel caso in cui un membro del gruppo squadra risultasse positivo. Non è chiaro infatti se le attività di squadra possono riprendere regolarmente per gli atleti che risultassero negativi agli accertamenti previsti.

Le richieste dei vari club

Nello specifico, la Roma si chiede: “Come gestiamo la positività di un giocatore alla vigilia di una partita? Partita rinviata, di quanto?”. Il Parma non sa come gestire gli elementi over 65 dello staff, il Napoli vuole chiarimenti sull’aspetto medico-legale della responsabilità, così come il Milan che ha perplessità anche sul ritiro chiuso.


BUONE NOTIZIE SUL FRONTE STADIO: LE ULTIME


Situazioni ancora più complesse sono quelle del Lecce, che non sa dove trovare i tamponi, e del Brescia che non vuole tornare ad allenarsi. Tutto ciò si aggiunge ai classici problemi su come far rispettare il distanziamento e sulla sanificazione dei locali del ritiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.