Mirabelli: “Conferma meritata per Pioli, Maldini sta lavorando bene. Su Ibra e Donnarumma…”

Intervista Mirabelli a Tuttosport, l’ex direttore sportivo del Milan ha parlato a 360° del momento attuale dei rossoneri e non solo.


Leggi anche >>> Tutte le ultime notizie sul calciomercato del Milan


Intervista Mirabelli a Tuttosport

“Lo splendido finale di stagione del Milan, la qualificazione all’Europa League e lo straordinario lavoro di Pioli, mi hanno reso felice. Maldini è iconico e sta lavorando molto bene. Sono lieto che il club sia tornato sui suoi passi, confermando Stefano e non pensando più a Rangnick. Saggia decisione”.

Mirabelli sul suo addio al Milan

“Premessa fondamentale: se io fossi stato al posto di Elliott, avrei fatto la stessa cosa. Quando in una società si insedia un nuovo proprietario, questi ha il diritto di scegliere i collaboratori che ritiene più opportuni: all’epoca, il mio rammarico nasceva dall’impossibilità di completare il lavoro iniziato”.

Mirabelli su Ibrahimovic, Calhanoglu e Kessié

“Se confermerei Ibrahimovic? Sì, senza dubbio. Lo svedese è il leader che alla squadra mancava da quando si è ritirata la generazione dei Nesta, dei Gattuso ecc. Hakan è stato un colpo di cui vado fiero. Ero certo che avrebbe sfondato: in Pioli ha trovato l’allenatore ad hoc per valorizzare le sue qualità. E poi c’è Kessié, tornato sui livelli dell’Atalanta che ci indussero ad acquistarne il cartellino”.

Mirabelli su Donnarumma

“Sono convinto che il Milan e Donnarumma faranno ogni sforzo per continuare insieme lungo una strada che sarà lastricata di successi. Quanto vale? Io dico 100 milioni e non credo di esagerare. Sono felice di essere stato io, tre anni fa, a convincerlo a rimanere in rossonero. Diciamo che questo è stato il più bel regalo che potessi fare al Milan”.