Milan senti Hauge: “Mi ispiro ad Hazard, sono felice qui”

Intervista Hauge: il talento rossonero si è raccontato ai microfoni di “The Athletic”, parlando della sua avventura in rossonero e non solo.

IL PUNTO SU UN RINNOVO IN CASA MILAN

Intervista Hauge: “Sono contento della mia scelta”

Jens Petter Hauge, acquistato in estate dal Bodo/Glimt, ha dimostrato fin da subito le sue qualità. In un’intervista ha parlato del suo trasferimento a Milano: “Milan? È andato tutto veloce. Mia madre pensava che fosse un grande passo per me trasferirmi a Milano e in Italia, una nuova lingua da conoscere e cose del genere. Abbiamo quasi 50.000 persone che vivono qui a Bodo”.

GLI HIGHLIGHTS DEL MATCH CONTRO IL BOLOGNA

Il classe 99 si è espresso anche sul suo modo di giocare: “Quando ero giovane ho iniziato a guardare i giocatori che erano bravi con entrambi i piedi. Sembrava una buona qualità da avere. Per tutta la mia vita ho usato sia il destro che il sinistro per tirare e passare la palla, quindi ora mi viene naturale usare entrambi i piedi”. Ha aggiunto poi i suoi idoli: “Drogba, Lampard, Mata, quando sono cresciuto un po’ di più, ho iniziato a guardare Eden Hazard. È lui il mio preferito”.

MILAN-DONNARUMMA, ECCO LA SITUAZIONE SUL RINNOVO 

L’esterno destro della squadra di Pioli è felice di far parte di questo gruppo: “Sono davvero contento della mia scelta, mi sto divertendo ogni giorno. Quotidianamente ho l’opportunità per imparare cose nuove sulla squadra, sulla lingua, sulla città”. Hauge durante l’intervista ha parlato anche dei suoi passi in avanti con la lingua italiana e l’aiuto di Ibrahimovic. “Lingua italiana? All’inizio erano solo alcune parole chiave del calcio, per capirci e parlare in campo. Sta andando bene. A volte Zlatan traduce per me”

I numeri di Hauge

Da quando è arrivato a Milanello, il 21enne ha disputato 12 partite in campionato, segnando un gol contro il Napoli, nella partita vinta 3a1 dai rossoneri. In Europa League ha avuto il suo miglior rendimento, giocando 5 match e timbrando per ben 3 volte il cartellino. In Coppa Italia ha collezionato soltanto 45 minuti contro il Torino.