Milan, buona la prima per Tomori

Esordio Tomori – Per niente facile esordire in un derby così sentito e dopo aver giocato l’ultima partita a fine settembre, eppure Tomori ha dimostrato di saper giocare al calcio, eppure bene. Dentro al posto del danese  Kjaer, infortunatosi dopo 15 minuti il giocatore ha mostrato subito personalità e aggressività. Il difensore canadese, naturalizzato inglese, è stata l’unica nota positiva di ieri nella sconfitta nel derby che ha sancito l’eliminazione dalla Coppa Italia.

Esordio Tomori, che duello con Lukaku

Il difensore classe 1997 ha sfoderato una prestazione che ha convinto tutti, a cominciare da Pioli.  Grande personalità sin dal primo pallone giocato, con una discreta capacità tecnica nell’iniziare l’azione dal basso e con la giusta rapidità. Difensivamente roccioso, il calciatore ha fatto leva sulla sua struttura fisica reggendo l’urto contro Romelu Lukaku, al quale ha concesso poco e nulla. Straordinariamente aggressivo nell’anticipare l’avversario, ha salvato un gol fatto con una diagonale perfetta, quella che insegnano in ogni scuola calcio.

Esordio Tomori, chi è il calciatore

E’ il tipico profilo di difensore moderno, completo e con ampi margini di miglioramento, motivo ulteriore per cui il Chelsea ha accettato di cederlo in prestito per permettergli di maturare altrove dove potrebbe trovare più spazio. I tifosi del Chelsea si sono scatenati subito sui social non appena hanno saputo della cessione del difensore al Milan criticando il manager Lampard e il patron Abramovich. Al direttore Frederic Massara è sempre piaciuto il giocatore che ha provato già a portarlo ai tempi della Roma. Il ds è stato molto bravo a strappare il diritto di riscatto per una cifra vicina ai 26 milioni di euro, valutazione che con ottime prestazioni potrebbe oscillare ulteriormente. Il giocatore potrà fare benissimo a fianco di calciatori esperti come Kjaer e Romagnoli e potrà dare una mano alla causa rossonera.