Coronavirus, Spadafora: “Serie A? Ancora incerta la ripresa degli allenamenti”

Spadafora sulla Serie A, con il Ministro dello Sport, che ha parlato della ripresa di allenamenti e campionati: “C’è ancora incertezza sulla ripresa“.

Spadafora sulla Serie A, il ministro frena sulla ripresa del campionato

Spadafora Serie A

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora frena gli entusiasmi degli sportivi italiani. Al momento infatti, la ripresa dei campionati in Italia è ancora incerta. Intervenuto ai microfoni di Rai 2, nell’approfondimento TG2 Post, il Ministro dello Sport ha frenato sulla ripresa dello sport in Italia. “Lo sport non è solo il calcio. La Serie A è comunque un’industria dal punto di vista economico”.


CALCIOMERCATO MILAN – CAMBIA IL FUTURO DEL CENTROCAMPISTA


Sulla ripresa degli allenamenti, prevista per i primi di maggio ha dichiarato: “Mercoledì avrò un incontro con la FIGC per valutare un protocollo nello specifico sugli allenamenti. Io oggi non do per certa ne la ripresa ne degli allenamenti il 4 maggio, valuteremo insieme. Oggi comunque non si può dare per certa la ripresa se non arriva prima la sicurezza per il Paese. Bisogna capire se il mondo del calcio è pronto”.

Spadafora: “Riprendere ad allenarsi non significa tornare a giocare”

Incertezza anche circa la ripresa dei campionati, con Spadafora che ammette: “Anche la ripresa degli allenamenti non porterebbe automaticamente alla ripresa dello stesso campionato“. Sport e soprattutto calcio che si svolgerebbe senza tifosi sugli spalti. Situazione che porterebbe alla visione di partite in tv in chiaro. A tal proposito il ministro Spadafora ha affermato: “Quando ho provato a fare questa cosa nel periodo di massima emergenza ho avuto un confronto a dir poco acceso e mai ripartito con l’ad di Sky e il presidente della Lega Serie A Dal Pino”.


FOSCHI FA SOGNARE IL MILAN: OCCASIONE PER I ROSSONERI?


Il tema è molto spinoso, quando il mondo del calcio non vuole decidere per motivi economici dice che è il governo che deve farlo, poi quando il governo entra a gamba tesa rivendica la propria autonomia. Questa volta prenderemo in considerazione l’eventualità, per una questione di interesse sociale. Ci sono equilibri tra lega, tv e federazione difficili da trovare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.