Coronavirus Serie A, riseveglio choc: rinviate quattro partite per l’emergenza

Coronavirus Serie A – Il Coronavirus ha scosso l’Italia intera con il primo focolaio nella zona del Lodigiano che inizia a creare un allarme molto serio. Dopo i primi due morti, i casi sono in aumento in tutto il nord Italia con la Lombardia in piena emergenza. Una situazione che ha colpito anche il mondo dello sport ieri con la gara di Serie B tra Ascoli e Cremonese rinviata, insieme a centinaia di altri eventi sportivi.

Coronavirus Serie A

Coronavirus Serie A

La preoccupazione è tanta ed oltre alla quarantena nei comuni colpiti è arrivata la decisione del Governo di sospende tre gare di Serie A. La decisione è arrivata dal Ministro dello Sport, Spadafora, che ha annunciato la sospensione di tutte le attività sportive in Veneto e Lombardia. Una mossa annunciata durante la conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Rinviate, quindi, Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria. Il ministro dello Sport ha annunciato a Malagò di diffondere il messaggio tramite una lettera “di farsi interprete presso tutti i competenti organismi sportivi dell’invito del Governo di sospendere tutte le manifestazioni sportive di ogni grado e disciplina previste nelle Regioni Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio 2020”.

Spettatori Serie A

AGGIORNAMENTO ORE 11.28

L’allarme per il Coronavirus continua. Oltre alle tre partite succitate, anche Torino-Parma è stata rinviata a data da destinarsi. A riferirlo è l’Ansa, seguita dagli stessi club in questione. La decisione è giunta dopo le indicazioni del Governo di sospendere tutte le attività sportive non solo nelle regioni di Lombardia e Veneto, ma anche nella città di Torino.

La lettera a Malagò

 “Il Governo si appresta ad emanare misure urgenti per fronteggiare e contenere in modo particolarmente incisivo i casi di contagio da Coronavirus. Tali misure comprendono anche il mondo sportivo per l’esigenza di prevenire rischi e tutelare al meglio la salute di tutti coloro che, a vario titolo, partecipano alle manifestazioni e alle competizioni. In attesa del perfezionamento dei provvedimenti e della piena ed efficace attuazione degli stessi, su conforme avviso del Consiglio dei Ministri, per ragioni di cautela e massima precauzione.

Le chiedo di farsi interprete presso tutti i competenti organismi sportivi dell’invito del Governo di sospendere tutte le manifestazioni sportive di ogni grado e disciplina previste nelle Regioni Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio 2020. Tale invito non è da estendere agli atleti e gruppi di atleti dei quali siano programmate, per la stessa giornata, trasferte fuori dalle predette Regioni, salvo che i medesimi atleti e gruppi di atleti provengano dalle aree geografiche già indicate dalle autorità sanitarie quali focolai di contagio. Confido nella massima collaborazione di codesto Comitato nazionale e dell’unità di impegno da parte di tutti i soggetti che esercitano responsabilità nel sistema sportivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.