Covid19, che calciomercato ci attende?

Coronavirus calciomercato – In questi giorni anche nel mondo del calcio si sta affrontando la tematica relativa all’impatto economico dell’emergenza Covid19. La domanda che iniziamo a porci è anche come questa emergenza cambierà il prossimo calciomercato estivo.

Coronavirus calciomercato: l'impatto economico dell'emergenza sul calcio

 

Coronavirus calciomercato: impatto notevole

Il danno economico che subirà il mondo del calcio sono inevitabili per un sistema che si è fermato totalmente. Dal problema legato agli stipendi dei calciatori, agli sponsor sino ai diritti tv. Una situazione difficile con una piattaforma che ha già fatto sapere che non pagherà i diritti tv visto il periodo di stop del sistema calcio (CLICCA QUI). 


UFFICIALE LA DECISIONE DELLA UEFA SUL FAIR PLAY FINANZIARIO: L’ANNUNCIO


È inevitabile che i club subiranno danni importanti e come questo tipo di problema economico avrà ripercussioni importanti anche sul calciomercato. Sarà difficile per molte squadre fare un mercato di prima fascia o, comunque ci sarà un notevole calo in termini di cifre. La conferma arriva direttamente dall’ex direttore sportivo del Milan, Ariedo Braida, in un’intervista a Radio Sportiva.


GRAVINA ANNUNCIA LA NUOVA DATA DELLA RIPRESA DELLA SERIE A


Ci saranno delle grandi ripercussioni a catena. Gli sponsor avranno delle meno risorse. Oggi la crisi mondiale colpisce tutti, sembra una guerra che lascerà il segno. Sono certo che i numeri cambieranno, ci vorrà molto tempo per tornare alla normalità. Si può sempre fare di più, nella vita serve tanta umiltà. Secondo me manca, così come manca la competenza da parte di tanti amministratori pubblici. Inizialmente abbiamo preso un po’ sotto gamba questo problema”.

Sul taglio dei stipendi

“E’ un gesto sano e utile da parte di persone molto fortunate rispetto alla media dei cittadini, può essere un modo per far capire che c’è sensibilità anche nel mondo del calcio. E’ un segnale estremamente positivo. Qualche piccola frizione sicuramente c’è stata in casa Barca, Messi ha voluto sottolineare che è stata un’iniziativa loro. Per me questo significa che ha ancora più valore, la sua sensibilità ha dimostrato che tutti abbiamo un cuore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.