Pioli: “Krunic può agire da falso nueve. Lavoriamo agli infortuni”

Conferenza stampa Pioli – Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara con il Liverpool per parlare della gara spartiacque contro la squadra di Klopp. Vincendo la squadra di Pioli potrebbe accedere agli ottavi. Il tecnico ha parlato poi della situazione infortuni.

 Pioli: “Il Milan deve essere forte perchè il livello è alto”

Queste le sue parole:

GARA IMPORTANTE – “Come peso specifico e preparazione dal punto di vista mentale ci siamo vicini, ma ne abbiamo giocate altre così delicate e così importanti e sono sicuro che ne giocheremo sicuramente altre. L’abbiamo preparata nei minimi dettagli anche se abbiamo avuto poco tempo, ma li abbiamo già incontrati e quindi sì, l’abbiamo preparata bene”.

IL LIVERPOOL – “Il Milan deve essere forte perché il livello è molto alto e il Liverpool è fra le possibili vincitrici di questa Champions”. 

ATTACCO – “Non giocherà solamente Zlatan in avanti. Sarà fondamentale muoversi tanto e sfruttare gli spazi. Abbiamo imparato tanto dalla gara di andata, sappiamo bene a che livello ci dobbiamo esprimere per reggere il confronto. La squadra sta bene sia fisicamente che mentalmente. Siamo positivi e possiamo giocare una bella partita”.

INFORTUNI “Ci stiamo lavorando tanto sugli infortuni, perché alla lunga avere tutti questi infortuni può pagare. Stiamo facendo di tutto per agevolare il percorso di recupero dei giocatori, stiamo facendo più turnazione per cercare di evitare. Dobbiamo stringere i denti fino al 22 dicembre e poi la situazione durante la sosta migliorerà”.

CHIAVE TATTICA – “Loro ci presseranno e ci aggrediranno con grande intensità. Ma abbiamo conoscenze di spazi e posizioni che ci permetteranno di superare la prima pressione. Se lo faremo avremo spazi per fare male”.

Milan, Pioli: “Occhio a Messias e Krunic”

E poi ancora:

KRUNIC FALSO 9 – “Sì, può essere utile in attacco, dobbiamo avere tanti giocatori offensivi. Non voglio un punto di riferimento statico in attacco. Lui, Diaz, Messias, Saelemaekers hanno qualità e capacità per leggere bene la gara. Immaginatevi la difesa avversaria con due difensori che non hanno nessuno da marcare”.

FORTISSIMI – “Loro sono fortissimi, noi siamo forti. La vittoria deve passare da una partita di sacrificio, determinazione, lucidità tattica e tecnica”

MEGLIO EVITARE L’EUROPA LEAGUE? – “L’Inter ha fatto un gran girone di ritorno e molti hanno dato questa spiegazione che fosse legata alla singola partita a settimana, ma non so se sia correlato. Noi pensiamo alla partita di domani. L’obiettivo del Milan è tornare competitivi in Italia e in Europa. Se sarà in Champions meglio, se torneremo in Europa League lo faremo comunque al meglio. Quello che conta resta la partita di domani”.

TOMORI – “Quello che penso di Tomori è che sia fortissimo. Ha delle caratteristiche perfette per il mio modo di interpretare le gare. A Madrid però non c’era e la squadra ha fatto comunque benissimo. Quello che conta è il gioco di squadra non i singoli”.