Pioli in conferenza: “Non è il momento di esultare. Su Donnarumma…”

Conferenza Pioli Torino-Milan: il tecnico alla vigilia della sfida contro i granata ha affermato di non volere cali di concentrazione ed ha parlato anche del futuro di alcuni rossoneri.

Conferenza Pioli Torino-Milan: “Ibrahimovic non ci sarà”

L’allenatore rossonero ha commentato il momento della sua squadra: “Una delle nostre qualità è sempre stato l’equilibrio. Non ci siamo demoralizzati dopo una sconfitta contro la Lazio non abbiamo neanche gioito troppo dopo la Juve”. Sull’importanza della vittoria contro i bianconeri e il grande passo in avanti per la Champions: “C’è gratificazione, abbiamo vinto contro un avversario contro cui il Milan ha sempre avuto difficoltà. Sono vittorie che ti danno consapevolezza, fiducia, è giusto gioire. Non abbiamo ancora concluso niente, potremo esultare solo quando raggiungeremo la Champions”.

SVELATA LA PRIMA MAGLIA DEL MILAN PER LA PROSSIMA STAGIONE: ECCO LE FOTO

Poi si è soffermato sulle condizioni di Zlatan Ibrahimovic: “L’unica nota stonata è il suo infortunio. Una lieve distorsione al ginocchio, non sarà disponibile domani e domenica. Vediamo come saranno gli sviluppi la settimana prossima”. Il migliore della sfida contro la Juventus è stato Brahim Diaz: “Ha determinate caratteristiche, se dovessi scegliere certe posizioni in campo sicuramente lui e Calhanoglu sono i più adatti. La partita di domani sarà completamente diversa, il Toro gioca con atteggiamenti diversi”.

Sul futuro di Donnarumma: “Gigio è un professionista. Attaccatissimo al nostro momento, ma come tutti noi è concentrato su Torino-Milan, Milan-Cagliari e Atalanta-Milan. Il 24 maggio si tireranno le somme, anche sulle scelte future. Fino ad allora nessuno parlerà del proprio destino”. 

I ROSSONERI PUNTANO UN CALCIATORE DEL REAL  MADRID

Infine si è soffermato sul grande rendimento dei suoi difensori e sulle condizioni di Simon Kjaer: “Le scelte che abbiamo fatto contro la Juve erano indirizzate alla fase difensiva. Non mi era piaciuta con il Benevento, avevamo concesso troppo. Abbiamo messo in campo una squadra organizzata, con linee più vicine. Quando sei determinato il lavoro dei difensori è più facile. Oggi c’è allenamento dopo pranzo, ieri Kjaer sembrava recuperato ma valuterò tutte le situazioni individuali”.