Bakayoko sugli insulti razzisti: “Orgoglioso del mio colore della pelle”

Insulti razzisti Bakayoko: il neo-acquisto rossoneri, nella sfida di ieri contro la Lazio, ha fatto il suo esordio in questa stagione. La sua partita è durata 13 minuti, ma non sono mancati episodi degni di nota.

Insulti razzisti Bakayoko: la risposta via social

Tiemoue Bakayoko è entrato al minuto 61 della sfida contro la Lazio per sostituire Kessie; dopo appena due minuti dal suo ingresso in campo, il centrocampista è stato ammonito per un intervento fuori tempo su Acerbi. La partita del francese, però, è durata molto poco, dato che al 73′ è stato costretto ad uscire a causa di un risentimento muscolare. Gli eventi negativi nella serata di Bakayoko sono continuati, poiché è stato preso di mira anche da cori razziali da parte dei tifosi della Lazio.

L’ex Napoli ha voluto subito rispondere via social: “Grazie per la calorosa accoglienza rossonera. Purtroppo il mio esordio è stato condizionato da un infortunio, ma la cosa più importante sono i  3 punti della squadra. E ad alcuni tifosi della Lazio e alle loro grida razziste verso me, voglio solo dire che io e mio fratello Franck Kessie siamo forti e orgogliosi del nostro colore della pelle. Ho tutta la fiducia nel nostro club che farà di tutto per identificare i protagonisti di questi cori”.