Serie A, in arrivo il via libera agli allenamenti dal Comitato Tecnico Scientifico

Allenamenti squadre Serie A, in giornata è atteso il famigerato ‘ok’ del Comitato Tecnico Scientifico alle sessioni collettive. Ciò rappresenterebbe il primo passo importante verso la ripresa del campionato e, di conseguenza, la fine di questa tribolata stagione.

Allenamenti squadre Serie A, le ultime

Tuttavia, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, il via libera del Cts non sarà l’unico step per la ripartenza del calcio italiano. Durante la prossima settimana, infatti, sono previsti importanti vertici tra il calcio ed il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oltre all’incontro tra il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ed il CONI. Inoltre, sono in calendario il Consiglio Federale della FIGC e l’Assemblea della Lega Serie A.


Allenamenti squadre Serie A


Una volta inviato il parere del Cts al Ministro della Salute Roberto Speranza, quest’ultimo si riunirà con gli esperti della task per integrare il tutto con le linee guida dettate da Spadafora in attesa che avvenga la copertura normativa con il nuovo DPCM in fase di preparazione.


CASI DI COVID-19 AL MILAN? IL COMUNICATO


Presto, dunque, si avrà a disposizione un protocollo valido in cui verranno elencati tutti i controlli ed esami ai quali giocatori e staff dovranno sottoporsi prima della ripresa effettiva degli allenamenti di gruppo che non dovrebbe comunque avvenire prima del 18 maggio.


ECCO COSA ACCADDE OGGI NELLA STORIA DEL MILAN


Quando riparte il campionato?

Ad oggi non è stata ancora fissata una data per la ripresa del campionato. Essa è legata indissolubilmente all’evoluzione dell’emergenza sanitaria. Qualora la curva epidemiologica dovesse continuare a calare, magari anche con l’aiuto del caldo estivo in arrivo, la ripartenza della Serie A a metà giugno non dovrebbe essere impossibile.


DURISSIME PAROLE DEL CAPITANO DELLA JUVE: ARRIVA LA REPLICA


Prima, però, dovranno essere stabiliti i luoghi dove si potrà effettivamente giocare. Non è un mistero che circoli l’idea di far disputare le partite in impianti del Centro-Sud, evitando così le zone del Nord più colpite dalla pandemia. Si tratta di una soluzione gradita in ambito politico, mentre non è stata accolta con grande favore dalla Lega Serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.