Accordo Serie A CVC, non solo diritti tv ma anche stadi

Accordo Serie A CVC

Le voci sul possibile accordo Serie A CVC ha riacceso le speranze del massimo campionato italiano in un momento così difficile. Si parla di un accordo che non riguarderebbe solo i diritti tv, ma anche gli stadi italiani.

Una notizia molto importante riportata dal Financial Times e rilanciata da CalcioeFinanza, che vedrebbe l’interesse sempre maggiore di CVC Capital Parteners alla Serie A. Secondo le ultime indiscrezioni, infatti, il fondo internazionale sarebbe pronto a rilevare una quota dei diritti tv del massimo campionato. L’idea è comprare i diritti, per una cifra pari a 2,2 miliardi di euro per un decennio, e rivenderli ai broadcaster. 

Leggi anche >>> Il nuovo protocollo per la Serie A



Accordo Serie A CVC e la rivoluzione stadi

La grande novità che potrebbe realmente portare ad una positiva rivoluzione coinvolgerebbe un accordo sugli stadi. Sembra, infatti, che l’accordo con la Lega Serie A prevederebbe anche la costruzione e manutenzione degli stadi italiani. Questo grazie alla creazione di un fondo infrastrutturale parzialmente finanziato proprio dal fondo interessato.

Questo tipo di accordo porterebbe ad una seria e propria trasformazione della Serie A che potrebbe finalmente almeno provare a colmare il gap con le altre leghe europee. Quello degli stadi, infatti, si conferma uno dei principali problemi che non si riesce a risolvere in Italia e che grava sulle società di calcio.

Potrebbe interessarti anche >>> Il futuro di Ibrahimovic: le ultime

Lo stesso Financial Times ha parlato di questa ipotesi come una vera e proprio rivoluzione in grado di rilanciare il calcio italiano. L’offerta del fondo CVC sarà esaminata da Paolo Del Pino e da quattro presidenti di Serie A. Sembra che questo comitato di club dovrebbe essere rappresentato da Juventus, Lazio, Napoli ed Atalanta. Si sta lavorando per ampliare questo “comitato” per riuscere a raggiungere un accorso entro la data di fine giugno, ovvero quella di esclusività di CVC.